Bloody Mary

Bloody Mary

Bloody Mary

Bloody Mary

Illustrazione 3D, specchio e pasta modellante. Estratta dalla “happy-brains fanzine #2“. Bloody Mary è un fantasma o una strega tipica del folklore del mondo occidentale. Si dice che appaia in uno specchio quando il suo nome viene invocato tre volte (o anche più, dipende dalla versione della leggenda), spesso come parte di un gioco alle feste notturne.
Particolare Bloody Mary

Particolare Bloody Mary

N6 Smorfia napoletana

N°6 della Smorfia napoletana: la Vagina

N°6 della Smorfia napoletana: la Vagina

N°6 della Smorfia napoletana: la Vagina

Il N°6 della Smorfia napoletana: “chella ca guarda ‘nterra” (La cosa che guarda in terra – Vagina) Illustrazione fatta con carta. Estratto da il Fuffidiario, mia autoproduzione.
il Fuffidiario

il Fuffidiario

il Fuffidiario

il Fuffidiario

Il Fuffidiario Guida Umoristica Illustrata sulla Vagina Per le portatrici di Vagina e per semplici appassionati. di Emily Silvestri autoproduzione – novembre 2012 10,5×14,8 cm – 16 pagine – colore 250 copie stampate (ESAURITO) eBook in pdf eBook acquistabile su: Articoli scritti sul Fuffidiario: Un altro genere di comunicazione del 31 ottobre 2012, il seguitissimo blog di critica sessista nei media. Lo Sguardo magazine del 24 febbraio 2013, qui il pdf scaricabile PDF All’interno:
pag 8 Il Fuffidiario

pag 8 Il Fuffidiario: come far passare i dolori mestruali

pag 10 Il Fuffidiario: Stop deforestation!

pag 10 Il Fuffidiario: Stop deforestation!

Contiene: consigli, vignette, illustrazioni, giochi ed articoli su tale argomento, poco trattato se non in ambito medico o pornografico. Com’è nata l’idea:

L’autrice, meditando sulle potenzialità dell’autoproduzione, andava cercando le infinite possibilità di trattare temi interessanti per il pubblico, che i benpensanti (?) editori italiani non pubblicherebbero mai.

L’idea del tema è nata da un suggerimento di Samoa Landi durante una delirante chat notturna, Samoa è un’amica che spesso suggerisce idee non rendendosi conto che qualcuno potrebbe decidere di realizzarle veramente.

Il nome “il Fuffidiario” ha assonanza con il sussidiario delle elementari, in effetti vorrebbe essere un piccolo manualetto per imparare a vedere la Vagina con occhi diversi, buffi e ironici.  La “Fuffa” invece è il soprannome che l’autrice ha dato alla sua Vagina. Quello del nome è il primo argomento affrontato ne “il Fuffidiario”.

Tale tema di solito è illustrato o argomento di discussione o di scherzo per motivi salutistici o sessuali, i primi portano ad una visione medica della Vagina, una visione fredda ed estranea, i secondi da una visione da un punta di vista maschile (se non artefatta dal genere porno).

L’autrice vorrebbe dare una visione femminile e scherzosa della Vagina, lontana da queste visioni estranianti.

Fanpage su Facebook Promozione:
Poster promozionale del Fuffidiario

Poster promozionale del Fuffidiario per Lucca comics & games

Il fuffidiario: fotografia pubblicitaria

Il fuffidiario: fotografia pubblicitaria

Cappuccetto Rosso negli studi televisivi

Due illustrazioni Cappuccetto Rosso negli studi televisivi per la mostra Donne ex Fabula. Carta tagliata. Segue spiegazione.
Cappuccetto Rosso negli studi televisivi scena 1

Cappuccetto Rosso negli studi televisivi scena 1

Cappuccetto Rosso negli studi televisivi scena 2

Cappuccetto Rosso negli studi televisivi scena 2

Secondo l’analisi freudiana di ‘Cappuccetto Rosso’, la fiaba può essere letta come l’avventura di una bambina precocemente sessualizzata da una nonna che le ha proiettato i suoi desideri assopiti di attrazione sessuale:
‘Cappuccetto Rosso’ si occupa di alcuni problemi cruciali che la ragazza in età scolare deve risolvere se nel suo subconscio, permangono attaccamenti edipici, che possono indurla e esporsi pericolosamente alla possibilità di essere sedotta. […] Una ragazzina ha bisogno di una forte figura materna per la propria protezione, e come modello da imitare. Ma la nonna di Cappuccetto Rosso si lascia trasportare dalle proprie necessità oltre quanto è di beneficio per la bambina, [...] è fatale per la ragazzina se questa donna più anziana rinuncia alla sua capacità d’interessare sessualmente gli uomini e la trasferisce sulla nipotina donandole un mantello rosso che la rende troppo seducente. In tutta la fiaba, nel titolo come nel nome della ragazzina, l’accento è posto sul colore rosso, che essa indossa in modo manifesto. Il rosso è il colore che simboleggia le emozioni violente, naturalmente comprese quelle sessuali. Il cappuccio di velluto rosso dato dalla nonna può quindi essere visto come il simbolo di un prematuro trasferimento di attrazione sessuale, che è ulteriormente accentuato dalle condizioni della nonna, vecchia e malata, troppo debole perfino per aprire una porta. Il nome Cappuccetto Rosso indica l’importanza fondamentale di questa caratteristica della bambina nella storia. Esso suggerisce che non il cappuccio è piccolo, ma è piccola anche la bambina [in francese il titolo originale è ‘Le Petit Chaperon Rouge’n.d.r.]. E’ troppo piccola, non per portare il suo cappuccio, ma per dominare ciò che esso simboleggia, e ciò che il semplice fatto di portarlo incoraggia. Il pericolo per Cappuccetto Rosso consiste nella sua sessualità in boccio, per cui essa non è ancora abbastanza matura dal punto di vista emotivo.”
Tratto da ‘Il mondo incantato’ di Bruno Bettelheim (ed. Feltrinelli)
Il confronto con le ragazzine di oggi è palese, esse vengono continuamente spinte verso una prematura sessualizzazione da televisione, video musicali, testi delle canzoni, internet, riviste, film e video giochi anche se di target infantile. Tipico esempio sono le Veline, diventate il modello di moltissime bambine che vedono la realizzazione dei proprio sogni nel comparire in televisione, attraendo gli spettatori con il proprio corpo come oggetto sessuale e ornamento estetico. Gli stessi genitori, come la Nonna della fiaba, incoraggiano e accompagnano le figlie femmine verso una carriera televisiva che le porterebbe a essere viste come un oggetto sessuale. In queste illustrazioni la nonna della fiaba, affascinata dai modelli mediatici, tesse la mantellina rossa alla piccola nipote per farla diventare provocante e farla entrare in un labirinto di studi televisivi in cui si perderà.

Cappuccetto Rosso: illustrazioni

Due illustrazioni della fiaba Cappuccetto Rosso. Carta tagliata.
Cappuccetto Rosso scena 1

Cappuccetto Rosso scena 1

Cappuccetto Rosso scena 2

Cappuccetto Rosso scena 2

happy-brains fanzine N1

happy-brains fanzine N°1

happy-brains fanzine N1

happy-brains fanzine N1

happy-brains fanzine #1 del collettivo happy-brains Grafica e illustrazione in copertina: Emily Silvestri aprile 2012 16 pagine a colori 500 copie tema: happy-brains all’interno: fumetti di Lucrezia Benvenuti, illustrazioni di Samoa Landi e Emily Silvestri e un racconto di Matteo Poccioni. ospite: Matteo Poccioni. Materiale promozionale:
foto happy-brains fanzine N1

foto della happy-brains fanzine N°1

banner happy-brains fanzine n1

banner della happy-brains fanzine N°1

Meg Griffin cosplayer

Meg Griffin cosplayer

L'Amore è sempre Amore 1

L’Amore è sempre Amore illustrazioni

L'Amore è sempre Amore 1

L’Amore è sempre Amore 1

Illustrazioni per Arcilesbica Pisa. Sono 4 scene di una serie dal titolo “L’amore è sempre amore”. L’omofobia, come il razzismo, ha come base la paura del diverso, e con queste illustrazioni ho voluto rappresentare la vita quotidiana di una coppia lesbica per farne vedere la normalità.
L'amore è sempre amore 2

L’amore è sempre amore 2

L'amore è sempre amore 3

L’amore è sempre amore 3

L'amore è sempre amore 4

L’amore è sempre amore 4

Esposizione alla Lesweek

Banner Lesweek

Banner Lesweek

Dal 17 al 24 luglio espongo la serie termita della coppia di lesbiche al disco Stupid!A di Torre del Lago per la Lesweek, insieme ad altre artiste.

Giovedì 21 faremo un live painting durante la cena, sempre allo Stupid!A di Torre del Lago.
Live painting con bamboline di carta

Live painting con bamboline di carta

Allestimento

Allestimento

Le mie illustrazioni in mostra nel locale

Le mie illustrazioni in mostra nel locale

Esponiti 2011: mostra a Milano contro l’omofobia

Le mie illustrazioni sulla coppietta lesbica sono state scelte per la mostra Esponiti, un evento organizzato da Donne in Rete e Gaia360° per la giornata contro l’omofobia.
La mostra, presso l’ATM Bar di Milano, sarà inaugurata da
Lella Costa oggi 17 maggio alle ore 11:30 e si protrarrà fino al 24 maggio.
Per info sull’evento link.

In mostra al Bookout

Banner bookout

Banner bookout

Dal 12 al 14 Novembre alcune mie illustrazioni saranno in mostra al Bookout, la prima fiera italiana del libro lgbt (lgbt = lesbica, gay, bisessuale, transgender), con Arcilesbica di Pisa.
Per l’occasione esporrò una nuova serie dedicata al mondo lesbo, nel banner sopra un’anteprima.
Da ieri e per due settimane una preview della mostra è ospitata al COLORS, discopub di Pisa.

Per info sul Bookout visitare http://bookout.it
Mostra al bookout

Mostra al bookout

Preview al colors

Preview al colors

Mostra al bookout

Mostra al bookout

Mostra e laboratori al Festival della Creatività di Firenze

Dal 21 al 24 Ottobre esporrò con il progetto Donne ex Fabula alla Biblioteca delle Oblate di Firenze, nell’area Kids del Festival della Creatività.
Il 23 e il 24 Ottobre sarò presente e parteciperò ai laboratori per bambini, ecco il programma dell’evento:

giovedì 21 Ottobre
ore 15.00 Inaugurazione della mostra con laboratori per bambini fino alle ore 20.00.

venerdì 22 Ottobre
ore 9.00 apertura mostra
ore 12.00 spettacolo teatrale di Al Canto del Fuoco e  laboratorio per bambini
ore 15-20 due laboratori per bambini.

sabato 23 Ottobre
ore 9.00 apertura mostra
ore 11.00 laboratorio per bambini
ore 14-15 spettacolo teatrale “Il Gatto con gli stivali” dei Pupi di Stac
ore 16-16:30 spettacolo teatrale “Il bacio” di Entropica
ore 16:30-17 spettacolo teatrale “La fanciulla silenziosa” di Entropica
ore 17-18 spettacolo teatrale “Alice!” di Teatro del Gallo
ore 18-19 spettacolo teatrale “Attenti al lupo!” di Entropica
ore 19.30-20 spettacolo teatrale “Buchettino e l’orco” di Entropica

domenica 24 Ottobre
ore 10 apertura mostra
ore 11.00 laboratorio per bambini.
ore 15.00 laboratorio per bambini.
ore 17.00 spettacolo teatrale di Teatro Schabernack
ore 19.00 chiusura.

Per maggiori informazioni visitare questo link.
Le mie illustrazioni con il panorama di Firenze

Le mie illustrazioni con il panorama di Firenze

Le mie illustrazioni con il panorama di Firenze

Le mie illustrazioni con il panorama di Firenze

Laboratori con i bambini sulle mie illustrazioni

Laboratori con i bambini sulle mie illustrazioni

Laboratori con i bambini sulle mie illustrazioni

Laboratori con i bambini sulle mie illustrazioni

Pubblico

Pubblico

Harry e Draco: il nuovo sogno erotico femminile

Harry e Draco: il nuovo sogno erotico femminile

Harry e Draco: il nuovo sogno erotico femminile

Harry e Draco: il nuovo sogno erotico femminile

Illustrazione per la mostra Donne ex Fabula, segue spiegazione. Nel mondo di internet da tempo spopola fra ragazze un nuovo interesse: le Fanfiction Slash. Le fanfiction sono racconti scritti da fan con personaggi di libri, fumetti, serie televisive o film famosi; ispirate alla trama originale che viene più o meno stravolta o continuata. Si possono leggere, pubblicare, votare e commentare su siti web a tema. Negli ultimi anni le più scritte e lette sono quelle che hanno come protagonisti i due eterni nemici Harry Potter e Draco Malfoy del best seller, ma… a tema omosessuale (in gergo Slash), ovvero nei racconti la trama porta questi due personaggi ad amarsi e/o fare sesso. Questi racconti sono perlopiù scritti e letti da ragazze.
Anche le bambine italiane di 12-13 anni che scrivono storie o cercano immagini di fanart yaoi[disegni a tema omosessuale n.d.r.] nei vari forum sembrano, semmai, essere interessate alla pura bellezza dei corpi maschili, e soprattutto alla passione che questi ragazzi impossibili provano l’uno per l’altro. […] Le autrici e lettrici non sono costrette a paragonarsi con qualche idealizzata protagonista. Anzi, la eliminano dalla storia. Spesso anche fisicamente. Ma questa non è una rinuncia alla natura femminile, come qualche rimpiangente della differenza potrebbe pensare: è, semmai, la negazione della cultura del femminile in cui non si riconoscono.
Tratto da ‘Ancora dalla parte delle bambine’ di Loredana Lipperini (ed. Feltrinelli).
Questa illustrazione vuole mettere in luce come il sogno romantico/erotico di molte ragazze di oggi sia cambiato nella forma dei personaggi, una volta erano le fiabe classiche con la buona povera e bella protagonista che incontra il Principe Azzurro, adesso invece sono due ragazzi. E’ di conseguenza cambiato nei ruoli, non c’è più maschile e femminile, non ci sono più dei modelli di ruolo impostati sul sesso dei protagonisti. Ma non cambiano alcuni particolari… sono molto frequenti infatti fanfiction in cui uno dei protagonisti si comporta da Principessa e l’altro da Principe Azzurro, e spesso il lieto fine è molto simile alle fiabe. Nel disegno è rappresentata la scrittrice di fanfiction che sogna i due eroi della saga di Harry Potter come se fossero Cenerentola e il Principe, i quattro personaggi hanno infatti alcune cose in comune: Harry Potter e Cenerentola sono orfani, poveri, emarginati, maltrattati e sfruttati per lavori domestici dai propri parenti. Vedranno una via di scampo grazie alla magia, nonostante gli impedimenti dei gelosi parenti. Draco Malfoy e il Principe Azzurro sono nobili, (spesso biondi) e ricchissimi. E soprattutto le loro storie d’amore sono sempre sul modello dell’amore impossibile alla Romeo e Giulietta, che nel caso di Harry e Draco, oltre la differenza di ceto, la loro storia risulta ancora più impossibile per l’omosessualità dei personaggi (spesso non dichiarata nelle fanfiction) in origine eterosessuali e l’odio che li accompagna per tutta la storia originale. Più impossibile e quindi più emozionante, soprattutto se si parla di personaggi molto amati che sono stati letti e riletti per anni.
Drarry

Elaborazione fatta da una fan (www.pomping14.tumblr.com)

Harry Potter: – Mi chiedo come sarebbe sposare una principessa… Draco Malfoy: – Che principessa? Il tuo principe è proprio qua!
Drarry Particolare

Drarry Particolare

Fiabe e Leggende: mostra a Spezia

“Fiabe e Leggende” è una mostra dedicata ai giovani talenti del mondo dell’illustrazione e del fumetto, dove esporrò alcune mie illustrazioni dal 29 maggio al 5 giugno a La Spezia, nell’Urban Center: illustre spazio espositivo sotto al Teatro Civico.



Orario di biglietteria:
dal lunedì al sabato dalle 8,30 alle 12,00
nei giorni di spettacolo la biglietteria aprirà dalle ore 18,00


Blog dell’evento http://fiabeeleggende.blogspot.com

Donne ex Fabula: mostra a Pisa

E’ pronto il sito, il manifesto e lo spot radiofonico della mostra Donne ex Fabula che sto preparando da un anno con le altre illustratrici dell’Associazione Leop’Art e la supervisione di Antonella Canavese.
Sul sito ufficiale sono disponibili tutte le informazioni:
donneexfabula.weebly.com Mi sto occupando della campagna pubblicitaria e dell’organizzazione. Il programma è ancora in fase di aggiornamento, ma oltre la mostra sono previsti spettacoli teatrali, laboratori per bambini, visione del documentario “Il Corpo delle Donne” e un convegno con Loredana Lipperini, l’autrice di “Ancora dalla parte delle bambine”, da cui ho preso spunto per le illustrazioni che esporrò.

Il tema dell’evento  è una riflessione sulle donne, nata dall’esigenza di illustrare ancora una volta le fiabe, ma con un occhio alle donne e al loro ruolo di oggi, e l’attenzione posta sui nuovi modelli che ci vengono proposti dalla TV e dal cinema, prima ancora che dalla letteratura.

La mostra è patrocinata dal Comune e dalla Provincia di Pisa con la collaborazione di “Amnesty International” e dall’associazione “Casa della donna” di Pisa. Foto della campagna pubblicitaria e della mostra alla Stazione Leopolda di Pisa:
Poster Donne ex Fabula alla Stazione Leopolda di Pisa

Poster Donne ex Fabula alla Stazione Leopolda di Pisa

Manifesto Donne ex Fabula all'interno della mostra

Manifesto Donne ex Fabula all’interno della mostra

Interno della mostra Donne ex Fabula con manifesti

Interno della mostra Donne ex Fabula con manifesti

Interno della mostra con la mia installazione di Cappuccetto Rosso

Interno della mostra con la mia installazione di Cappuccetto Rosso

La mostra

La mostra

Le mie illustrazioni di Cappuccetto Rosso negli studi televisivi

Le mie illustrazioni di Cappuccetto Rosso negli studi televisivi

Le mie illustrazioni di Cappuccetto Rosso negli studi televisivi

Le mie illustrazioni di Cappuccetto Rosso negli studi televisivi

Installazione Cappuccetto Rosso

Sabato 27 e domenica 28 Marzo 2010 ero con le mie compagne del gruppo Leop’Art alla Fiera del Libro di S. Maria a Monte (PI) con uno stand.

Per indicare la via della mostra ho fatto questa installazione artistica nella piazza davanti il Comune: è la Cappuccetto Rosso di una illustrazione che sto realizzando per il progetto Donne ex Fabula, una futura mostra sulle fiabe e il ruolo della donna che faremo prossimamente alla Stazione Leopolda di Pisa.
Dalla Cappucceto parte un filo rosso che attraversa il centro storico per arrivare alla porta di Casa Carducci, dove è situata la mostra.